L’ALBUM DI PRIMO ZANASI “ZONA INDUSTRIALE” PER SPALATO WYALE

Il polistrumentista bolognese con un'altra cassetta per la label di Ravenna.

by Ricky FK

 

Collezionista di macchinari vintage e apparecchiature elettroniche che ha pubblicato decine di cassette in edizione ultra-limitata tra una ristretta schiera di adepti e diventate presto un culto. Primo Zanasi questa volta però ci spiazza e si discosta nettamente dalle sue precedenti uscite per approcciare territori a lui del tutto inediti. Il disco infatti è stato realizzato interamente utilizzando due sintetizzatori modulari dalla possibilità piuttosto limitate e caratteristiche: Plumbutter e Cocoquantus della Ciat-Lonbarde di Peter Blasser. Sperimentando ne è uscito qualcosa che forse sta a metà tra Ambient e Techno, ma che ricorda soprattutto certa Library Music italiana degli anni Sessanta: nell’approccio ironico e funzionale alla sperimentazione – che non è mai fine a se stessa – e in un’attitudine molto “pratica” alla musica. Secondo Primo Zanasi questo è il suo disco più intimo, le precedenti pubblicazioni  e le produzioni si avvicinavano più alla sfera Hip Hop, non a caso ha già lavorato con artisti come Dj Gruff. Ascolta l’album e ordina la cassetta via Spalato Wyale.

 

Ti potrebbe interessare:

Leave a Comment

Questo sito potrebbe utilizzare Cookeis per migliorare la tua esperienza di navigazione. Speriamo la cosa possa non essere un problema per te, in caso contrario puoi sempre fare 'opt-out'. Accetta Più Informazioni

Privacy & Cookies Policy