IL FILM DI GENERE PERFETTO – POLIZIOTTO SPRINT (1977/STELVIO MASSI)

Sarò sincero, l’entusiasmo che mi ha dato rivedere questo film del principe Massi è stato quasi incontenibile, dopo mesi e mesi di visioni altalenanti (non c’è niente che dia più il senso di “serata buttata via” come un film mediocre) sono approdato di nuovo dinanzi a questo capostipite: Maurizio Merli, incredibilmente senza baffi, interpreta Marco Palma, poliziotto appassionato di macchine che ambisce a bissare la fama alla guida del suo superiore, il maresciallo Tagliaferri, interpretato da un fantastico Giancarlo Sbragia. Tra questo amore e odio cosparsi di ardente ambizione ed un’Impazienza cieca per non sentire riconosciuto il proprio talento, lo sbarbato Merli arriva a duellare con il Nizzardo, interpretato da Angelo Infanti: dopo uno scontro letale sarà lo stesso Tagliaferri ad addestrare Palma infiltrandolo nella banda di abili drivers del Nizzardo.

Gli inseguimenti sono copiosi ma ben dosati e non annoiano mai, ma proprio mai, ma la cosa che colpisce di più è la caratterizzazione progressiva dei personaggi: la necessità di “dimostrare” ed il talento di Palma creano disagi -e morti- finché non vengono calibrati da Tagliaferri il quale incute rispetto, concreto e parecchio maschile (nel senso buono) anche agli antagonisti criminali, Nizzardo in primis.
L’umanità straripante di questo Night Movie, cesellata e incastonata quasi fosse un telaio su un motore filmico tanto rombante quanto preciso, fanno sì che la sua visione apra porte sul passato e sul futuro: centellinare la tensione creando man mano un disegno più grande che va a inesorabile e lucido compimento, è tipico, proprio in questa modalità, di un Tarantino ultima maniera.

Inoltre la geografia capitolina dove si svolge la vicenda, mappata nel dettaglio da videocamere che seguono e inseguono le vetture sgommanti, ha davvero un ché di avveniristico e narrativamente chirurgico.
Le musiche poi dell’omonimo Cipriani sono davvero molto varie e mai legate ad un unico tema, ed aiutano nell’ulteriore caratterizzazione delle situazioni e nel disegnare il crescente pathos: bellissima la sincronizzazione nell’inseguimento a piedi nel parcheggio!
Insomma qui non esistono serie A o serie B, c’è solo un meccanismo cinematico pressoché infallibile.

Curiosità: le scene “stunt” sono a cura dello specialista Rémy Julienne.

SOUNDTRACK LINKS

CAM 7 POLLICI ORIGINAL
https://www.discogs.com/Stelvio-Cipriani-Poliziotto-Sprint/release/3164141

ALBUM VINILE STAMPA COMPLETA
https://www.discogs.com/it/Stelvio-Cipriani-Poliziotto-Sprint/release/10992740

CD
https://www.discogs.com/Stelvio-Cipriani-Poliziotto-Sprint/release/10429869

 

 

Be first to comment