VILLA LENA: IL POOL PARTY CHE NON TI ASPETTERESTI

Villa Lena, Photo by Audrey Lombard, 2019

Sei pronto/a? Oggi ti faccio fare una tappa molto particolare del nostro viaggio, voglio raccontarti qualcosa di un po’ diverso. Questo weekend io e il team di OTTN Projects abbiamo fatto una delle nostre “vacarte” (delle vacanze alla scoperta dell’arte contemporanea) tra i colli toscani, per immergerci in una realtà fondamentale per gli artisti di tutto il mondo, soprattutto quelli emergenti: la residenza artistica di Villa Lena. Ne hai mai sentito parlare?

Villa Lena è una struttura meravigliosa che si “nasconde” tra boschi, uliveti e vigneti della provincia di Pisa, un luogo magico, lontano dal trambusto della città, che permette agli artisti di riflettere su sè stessi, di lavorare ai propri progetti, di studiare e di creare una vicinanza tra arte e comunità. É un modo molto genuino di rispondere a un desiderio di confronto con la società, ma anche una modalità autentica che gli artisti hanno per confrontarsi tra di loro, per scoprire nuovi linguaggi, nuove tecniche, nuove modalità di lavoro e di approccio alla realtà. La villa promuove uno stile di vita all’insegna di prodotti a km zero e gli artisti in residenza, essendo parte integrante di questa, aiutano nelle attività agricole. Anche il cibo viene valorizzato come vera e propria forma d’arte, infatti nel ristorante della tenuta c’è anche un programma “Chef in residenza” che, a rotazione, affida ad uno chef internazionale, che rispetti l’etica di cibo sostenibile, la gestione del ristorante.

Villa Lena è una delle top residenze artistiche in Italia e in Europa, artisti da tutto il mondo vogliono poter soggiornare in questa struttura, (possono farlo per un massimo di 2 mesi) che dà loro la disponibilità di uno studio, materiali di cui possono aver bisogno ma anche di poter organizzare workshop, dibattiti, eventi per contribuire a uno scambio di idee e di modi di vedere ed intendere l’arte. Io lo trovo molto stimolante, tu no? La fondazione (no profit) è stata aperta nel 2013 e dall’apertura ad oggi conta più di 200 artisti ospitati;  ogni artista a fine soggiorno deve lasciare “un segno”: donare una sua opera che poi farà parte della collezione privata della fondazione. Chissà che capolavori che hanno!

New artisti in residence, Theodóra Alfreðsdóttir

Detto questo… a Villa Lena lo scorso weekend si è svolto uno dei party piu misteriosi d’Italia e noi, ovviamente, non potevamo non metterci il naso.

Quattro giorni all’insegna di musica, buon cibo (ovviamente anche buon vino) e un’ottima vista sulle colline toscane: queste sono le parole chiave per il Boutique Festival, arrivato ormai alla sua 4°edizione. Un piccolo tesoro misterioso fuori dagli schemi che celebra l’inizio dell’estate: party in piscina, costume, musica, un buon cocktail eh… il resto lo lascio alla tua immaginazione. Il dettaglio particolare è che il festival è praticamente segreto, evento Facebook limitato, pochissima sponsorizzazione: il passaparola diventa così un elemento fondamentale e lo è stato anche per noi. Nonostante questo, ancora oggi, non so ancora come ci siamo capitate, ma so che è stata davvero un’esperienza memorabile.

É sicuramente un festival dove la musica è la protagonista: dalle 23 fino a mezzogiorno del girono dopo dj-set non stop ruotano continuamente, così come ruota la location della festa: si inizia in piscina e poi si continua all’interno della villa. Più di 40 artisti si esibiscono per 12 ore.

L’ingresso è solo su invito, ed effettivamente era come se fosse una festa tra amici, si conoscevano davvero tutti…e poi c’eravamo noi che in realtà non avevamo ben capito la situazione e, beh ci siamo fatte notare subito. Devo confessarti che non ci aspettavamo un festival così scoppiettante, in realtà credevamo di trovare artisti in residenza, arte contemporanea e… invece ci siamo ritrovate nel party più “ecstasy” di sempre, una sorta di “secret boiler room”, come sicuramente conoscete, che davvero non ci aspettavamo. La situazione era più o meno questa: noi tirate a lucido, tacchi, occhiali da sole, pronte per affrontare una giornata piena di PR con persone del nostro settore e loro, in modalità chill-out, sdraiati al sole a sorseggiare un buon drink e i più coraggiosi che già alle 4 del pomeriggio ballavano sotto la consolle. Prova ad immaginarti la situazione.

Villa Lena, photo by Julian Renaud,2019

Fortunatamente nel pomeriggio il festival organizzava delle meravigliose yoga session di “House of Voga”, un tipo di yoga molto più espressivo ed energetico nato dall’idea di Juliet Murrel una scenografa di successo dell’industria della moda, del cinema e del design. Una vera bomba, anche perchè indossa degli outfit davvero too cool! (Se non sai chi sono ti consiglio di darci una sbirciatina). Il festival è talmente strano e borderline che, oltre allo yoga, trovavi anche “R+CO”, un collettivo di hairstylist americani di altissimo livello che hanno creato un brand di prodotti tutti naturali davvero fighissimi!

Come puoi immaginare la serata era animata da personaggi molto eccentrici e stravaganti, protagonisti della moda, official blogger, freelancers, stylists, direttori artistici provenienti da tutto il mondo per stabilirsi 3 giorni a villa lena. In tutto questo ho anche festeggiato il mio 21° compleanno con tanto di candeline sulla torta e l’intera Villa Lena che mi cantava “Happy Birthday”! Insomma un’esperienza davvero irripetibile! (Grazie Lorenzo per la candelina e a Giorgia e Federica per avermi fatto vivere questa esperienza).

Quindi se un giorno ti trovi nei paraggi di Pisa e vuoi un posto dove rilassarti e cercare ispirazione creativa, Villa Lena è il posto che fa per te!

Francesca Rossi,

@OTTNProjects

#BrilloBlog

P.S. Noi siamo alle prese con l’organizzazione della prossima #Prevista, non possiamo ancora svelarvi nulla ma sarà in una location davvero soleggiata! Seguici per scoprire di più…

Be first to comment